Facebook iOS14
Facebook screen on apple iphone

Facebook ha iniziato a testare una nuova schermata in-app che apparirà prima della richiesta di opt-in prevista nelle app di iOS 14 dalla prossima politica AppTrackingTransparency (ATT) di Apple.

Il test si estenderà a livello globale sia su Instagram che sull’app principale di Facebook.

La richiesta aggiuntiva ha lo scopo di fornire maggiori informazioni sui controlli della privacy di Facebook e su come utilizza i dati per personalizzare la pubblicità prima che gli utenti siano presentati con la scelta di consentire o negare il tracking delle app.

Facebook dice che questo è necessario perché anche se Apple permetterà agli sviluppatori di personalizzare parte del linguaggio nel pop-up ATT, non c’è comunque molto spazio per convincere gli utenti a scegliere il tracciamento.

Facebook mostrerà quindi sia il prompt di Apple che una versione diversa della propria schermata di prova, anche se non ha ancora stabilito esattamente quando durante il processo di onboarding, mostrerà i prompt agli utenti.

In un esempio della sua schermata di prova, Facebook incoraggia gli utenti a condividere la loro attività su app e siti web come un modo per “sostenere le imprese che si basano sugli annunci per raggiungere i clienti”.

Facebook è stato impegnato in un massiccio blitz di PR anti-Apple dalla fine dell’anno scorso, presentandosi come il salvatore delle piccole imprese. In una chiamata con i giornalisti a metà dicembre, Dan Levy, VP di Facebook per gli annunci e i prodotti aziendali, accusò Apple di apportare modifiche all’ecosistema digitale che avrebbe danneggiato le piccole imprese che già lottano per rimanere a galla a causa della pandemia.

Alcuni dipendenti di Facebook sostengono che questa messaggistica è ipocrita e dissonante per una società che ha fatto 84,2 miliardi di dollari di entrate pubblicitarie solo nel 2020.

Nonostante le sue obiezioni a tutto campo ai cambiamenti IDFA di Apple, Facebook è soggetto ad essi, proprio come qualsiasi sviluppatore.

Anche se il colosso social ha inizialmente dichiarato che avrebbe smesso di raccogliere l’IDFA sui dispositivi iOS 14, ha poi fatto marcia indietro. Facebook ha detto che se Apple non accetta di mostrare il prompt, Facebook sarà costretto a ritirare le sue applicazioni dall’App Store.

Anche se le linee guida dell’App Store vietano agli sviluppatori di utilizzare un linguaggio nel prompt ATT che incentiva le persone a consentire il tracking, Apple ha detto è consentito agli sviluppatori di fornire informazioni aggiuntive per educare gli utenti, prima di mostrare il pop-up di opt-in ATT “a condizione che siate trasparenti con gli utenti nella vostra spiegazione circa l’uso dei dati raccolti”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui