Video Advertising Trends

Il video advertising è stato grande protagonista nello scenario pubblicitario durante lo scorso anno, ed è destinato a essere attore principale anche per il 2019 (Leggi anche “Gli 8 trend sul mobile marketing che non puoi ignorare nel 2019“) In definitiva, i video sono un treno che il vostro business non può assolutamente perdere.

Di seguite puoi trovare i 5 trend sul video advertising che non possono assolutamente essere trascurati

1. Video più brevi

La grande abbondanza di contenuti video disponibili in rete oggi giorno crea una competizione molto ardua per gli advertisers. Gli utenti hanno infatti l’opportunità (illimitata) di guardare qualsiasi cosa, quindi le possibilità che prestino attenzione alla tua pubblicità sono davvero ridotte. Per questo motivo, gli advertisers stanno testando formati video molto più corti che si concentrano sui primi 5 secondi, poiché gli utenti a cliccare “salta il video” subito.

In generale le best practice dico che un video ad non dovrebbe mai superare i 15 secondi, e questo rappresenta una grande sfida per i marketers che si trovano a dover raccontare il loro brand, prodotto o servizio in uno spazio temporale molto ridotto.

Di seguito tre esempi di video ads concisi e di grande impatto.

Bounce
ChipsMore
Airbnb

2. Video Verticali

Come abbiamo visto la spesa destinata al mobile ha ormai sorpassato quella del traffico desktop, quindi diventa molto importante creare contenuti video che siano “mobile-first”. Ciò significa che è necessario pensare, per esempio, al formato verticale, che sta spopolando su Instagram, Snapchat, TikTok ed altre piattaforme simili.

3. Cinemagraphs

Il concetto di “cinemagraph” è nato alcuni anni fa, senza però essere mai divenuto un vero trend. Un cinemagraph non è nient’altro che una foto nella quale si anima un singolo elemento e lasciando tutto il resto statico, con il risultato finale di una vera e propria illusione ottica. Questo formato è davvero efficace per catturare l’attenzione degli utenti

La compilation dei migliori Cinemagraph

Scopri altri fantastici esempi di Cinemagraph qui

4. User generated content

Lo user generated content, o contenuto generato dagli utenti, è molto importante in relazione al cosiddetto “marketing passaparola”, poiché studi recenti dimostrano come i consumatori si fidino più del contenuto condiviso da utenti medi ai quali si possono relazionare, piuttosto che dai brand stessi.

L’autenticità dello user generated content garantisce, quindi, la possibilità di stabilire un rapporto di fiducia con l’audience, nonché di costruire una vera e propria community della quale i consumatori sono orgogliosi di far parte.

Il contenuto generato dagli utenti può essere di ogni forma: video, stories, foto, recensioni e testimonianze. L’importante è che sia reale, perché i clienti soddisfatti sono per il vostro business i migliori influencers.

5. In-stream ads su Facebook

I video in-stream sono la tipologia di video più diffusa nell’advertising. Includono pre, mid and post-roll ads, ovvero brevi spot che l’utente può vedere sulle varie piattaforme, prima, dopo e durante la visione di un contenuto video.

Anche Facebook offre, dal 2017 ormai, la possibilità di piazzare  video ads di massimo 15 secondi sui video presenti all’interno della piattaforma, ma anche su altre applicazioni grazie al placement Audience Network. Questa feature ha mostrato risultati estremamente positivi, infatti il 70% degli ads vengono guardati fino alla fine.

In conclusione

KEY LEARNINGS:

  • Qualsiasi sia il business della vostra azienda, i contenuti video non possono essere ignorati
  • La brevità è fondamentale per catturare l’attenzione degli utenti
  • Focus sui formati mobile first

CONSIGLI:

  • Cinemagraph è un formato da provare assolutamente
  • Estendi l’audience di Facebook agli in-stream videos, anche su Audience Network
  • Focus su formati mobile-first, come i video verticali

Vuoi ricevere consigli su come ottenere il massimo dalle tue campagne video? Contattaci!

Lorenzo si occupa di mobile marketing e user acquisition dal 2013, anno in cui si è trasferito a Berlino. Ha lavorato per importanti startup europee come Zalando e LOVOO, contribuendo alla crescita rapida ed esponenziale della user base, e all’integrazione della strategia di engagement e retargeting. Attualmente Lorenzo coordina le attività marketing di Free2Move, l’aggregatore di mobilità condivisa parte del gruppo automobilistico PSA.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here