Netflix Vs Apple

Netflix è stato uno dei preferiti di Apple per anni e ha ottenuto un grosso ricavo da questo rapporto. Ma dall’inizio di quest’anno il loro rapporto ha cambiato rotta e ora somiglia di più a una guerra fredda. Netflix ha perso il suo posto nelle liste con le app scelte dagli editor dell’App Store e anche nella classifica Top Grossing di Apple. Nemmeno a Apple è andata bene, con la perdita di milioni di dollari in commissioni. Chi ha vinto la battaglia? Vediamo di chiarire qui sotto la situazione.

Il Background del Conflitto di Netflix con Apple

Apple ha sempre inserito Netflix nelle liste delle migliori app e giochi da quando queste classifiche sono apparse nell’App Store con iOS 11. Come tutti sanno, gli editor di Apple sono esigenti sui candidati che scelgono di presentare (Scopri come promuovere la propria App nella sezione Oggi dell’App Store). Ma vista la possibilità di ricevere il 30% di commissioni da servizi molto utilizzati come Netflix, perché non rendere questi servizi ancora più diffusi? Un esempio: nel 2018 l’app Netflix è apparsa 99 giorni su 365 nelle liste in diversi Paesi, per un totale di 1961 volte.

Netflix AppStore
Alla fine del 2018, Netflix è diventata l’app più sponsorizzata nell’App Store

Secondo le statistiche, essere promossi così tanto ha aiutato il servizio di streaming a guadagnare 1,5 miliardi di dollari nel 2018, e Apple ha ottenuto un terzo di questa cifra come commissione.

Ma tutto è cambiato nel gennaio scorso, quando Netflix ha deciso di evitare le commissioni di Apple smettendo di utilizzare la funzione IAP (in-app purchase – acquisiti in-app) per vendere abbonamenti. Netflix ha infatti iniziato a reindirizzare gli utenti Apple alla propria pagina web e secondo i nostri calcoli, questo cambiamento nella strategia, ha fatto perdere ad Apple tra i 3,7 e i 5,5 milioni di dollari nel primo trimestre del 2019. In tutto il 2019, queste perdite potrebbero raggiungere i 44–67 milioni di dollari.

Una perdita così significativa non poteva passare inosservata. L’app Netflix è rapidamente caduta in disaccordo con gli editor dell’App Store. Netflix non compare più nella liste dell’App Store dal 24 febbraio.

Una volta persa l’alta visibilità nell’App Store, i ricavi di Netflix sono diminuiti.

Netflix AppStore Ricavi

Il numero di presenze di Netflix nelle liste dell’App Store (raffigurato nel grafico in verde chiaro) diminuisce bruscamente nell’autunno. I ricavi (rappresentati in verde) sono diminuiti gradualmente dall’inizio del 2019, quando Netflix ha ritirato l’opzione degli acquisti in-app per gli utenti Apple. 

Il 25 marzo poi, Tim Cook ha annunciato il lancio del servizio di streaming di Apple: Apple TV Plus, concorrente diretto di Netflix. HBO, Showtime e altri fanno già parte del nuovo servizio, ma significativamente non Netflix. Un mese dopo, Netflix ha rimosso il supporto per la diffusa applicazione AirPlay, dando la colpa al fatto che il servizio è diventato disponibile per i nuovi dispositivi (Samsung, LG e Sony inizieranno a funzionare con AirPlay nel 2019) e spiegando che non sarebbero stati in grado di fornire il giusto livello di supporto.

Nonostante lo sfavore degli editor dell’App Store, Netflix è ancora al primo posto nella categoria Entertainment. Ma senza comparire regolarmente nelle liste scelte dal team di esperti Apple, l’app ha perso la sua posizione nella classifica Top Grossing.

Netflix App Store Top Grossing
I ricavi di Netflix (qui rappresentati in giallo) sono diminuiti poco dopo l’annuncio ufficiale del nuovo servizio di streaming di Apple

Netflix ha tratto Beneficio da questa Battaglia con Apple?

In breve, sì. Diamo prima di tutto un’occhiata a una valutazione più attenta.

Uno degli indicatori del successo di un’azienda è la valutazione del valore delle sue azioni. Nel gennaio 2019, il primo mese dopo l’annullamento della vendita degli abbonamenti tramite App Store, le azioni Netflix sul NASDAQ di New York sono aumentate del 22%, passando da 276 a 337 dollari.

Questo significa che gli investitori hanno visto un valore maggiore in Netflix?

Ci sono 2 punti importanti qui:

1) Questi valori sono inferiori al massimo storico di luglio 2018, quando il prezzo ha raggiunto i 418 dollari. Pertanto, non si tratta di una crescita continua, ma della fluttuazione del prezzo delle azioni all’interno dell’intervallo locale.

2) In dicembre, la caduta del prezzo del titolo (che è proseguita da un picco a luglio) si è fermata. È possibile che questa notizia indichi un miglioramento per gli investitori di Netflix. Ma, più probabilmente, hanno avuto maggior peso le notizie sui risultati finanziari del quarto trimestre e sui piani del primo trimestre del 2019.

Alla luce di questi indicatori finanziari, le notizie sui pagamenti al di fuori dell’App Store non sono state percepite negativamente. Molto probabilmente, queste notizie hanno contribuito alla percezione positiva complessiva dei risultati e dei piani dell’azienda.

Passiamo ora alle relazioni di Netflix sui risultati del primo trimestre del 2019.

Secondo i report di Netflix, l’azienda ha guadagnato circa 4,5 miliardi di dollari nel primo trimestre del 2019, il 22% in più rispetto al primo trimestre del 2018. Si tratta di una crescita inferiore a quella del quarto trimestre 2018, che è stata del 27%. Il tasso di crescita è diminuito di 5 punti percentuali nel trimestre. Questo potrebbe essere causato almeno in parte dal conflitto con Apple? Vediamo di capirlo.

All’inizio del 2018, la crescita trimestrale è stata del 40%, per poi rallentare al 27% (cioè circa un terzo). È più logico attribuire questo rallentamento alla saturazione del mercato e all’esaurimento delle opportunità di crescita leggera.

Fortunatamente per noi, Netflix nei suoi report ci dà l’opportunità di approfondire le statistiche sul numero di abbonati a pagamento, compresa la suddivisione tra Stati Uniti e resto del mondo. Ed è qui che viene il bello.

Nel mercato locale nel 2018, il numero di abbonati a pagamento di Netflix è aumentato del 10,7%, passando da 53 a 58,5 milioni di dollari; e nel primo trimestre del 2019 un ulteriore aumento del 3% ha portato il totale a 60,2 milioni di dollari, che in termini annui rappresenta il 12%. Rispetto al 2018, la crescita del primo trimestre del 2019 è stata superiore!

E che dire del costo medio dell’abbonamento? Netflix ha abbassato i prezzi per rimanere competitivo in assenza del supporto di Apple?

Ma tutto è sotto controllo: anche con le stime più modeste, il costo medio di un abbonamento è salito di almeno 10 centesimi, arrivando a 11,5 dollari (Netflix non ha ancora rivelato i dati esatti, ma i numeri dovrebbero essere più alti). In base a questa tariffa, questo costo medio significa che l’abbonato medio a pagamento negli USA guarda video su 4 schermi contemporaneamente, il che coincide con la famiglia media. Con una popolazione di circa 330 milioni di abitanti e circa 128 milioni di famiglie, possiamo stimare che la metà delle famiglie americane utilizza Netflix. Naturalmente, l’altra metà delle famiglie rimane ancora un’opportunità di crescita, ma, molto probabilmente, le possibilità più immediate di crescita sono già state esaurite.

Osservando non solo la continuità di crescita, ma anche la sua accelerazione nel primo trimestre del 2019, possiamo notare che il conflitto di Netflix con Apple non ha avuto un grande impatto sulla sua performance.

Nel mercato internazionale del 2018, gli abbonamenti a pagamento sono aumentati del 40%, da ~ 58 milioni di dollari a 81 milioni di dollari, e nel primo trimestre del 2019 a 88,6 milioni di dollari, con un +10% per il trimestre e un +40% in termini annuali! Anche il costo medio dell’abbonamento è rimasto allo stesso livello.

Così, in generale, l’impatto della battaglia con Apple non è stato determinante, e poi Netflix ha risparmiato sulle commissioni.

Vale la pena di notare che Netflix è ottimista per il futuro. La previsione di crescita del fatturato per il secondo trimestre del 2019 è stimata al 26%, 4 punti percentuali in più della crescita del primo trimestre del 2019. Se la previsione si avvererà, possiamo supporre che per il servizio nel suo complesso, la crescita continuerà ad un ritmo altrettanto rapido come prima.

La nuova Speranza

Mentre Apple e Netflix hanno cercato di risolvere questo problema, Netflix è diventato un “ospite” assiduo delle liste di Google Play: il numero di collegamenti al servizio è aumentato di 10 volte dal gennaio 2019. Tuttavia, questo non incide sui ricavi di Netflix.

Netflix Google Play
Il numero di presenze di Netflix nelle liste di Google Play (qui rappresentato in viola) è aumentato drasticamente dal gennaio 2019.

Ma Apple, in assenza di Netflix, ha trovato nuovi preferiti da proporre. Dall’inizio del 2019, VSCO e Fortnite sono diventate le app più visualizzate nelle liste dell’App Store.

App Store app promosse
Infatti, se si considera il numero di giorni in cui sono stati visualizzati, VSCO e Fortnite sono comparsi tra i preferiti quasi il doppio delle volte rispetto al numero 3 dell’elenco: l’app Sleep Cycle

Nel frattempo, Anche Apple si prepara a lanciare Apple TV Plus e la pagina dell’app è già stata ottimizzata nell’App Store.

App Store AppleTV
Fonte App Store

La sensazione è che ne vedremo delle belle!

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here